2 Agosto 1980. Bottega Finzioni lancia il "Premio 10:26"

29 Luglio 2020

Far ripartire idealmente le lancette dell’orologio ferme al momento esatto dell’esplosione della bomba, riallacciare simbolicamente i fili e i percorsi spezzati il 2 agosto di quaranta anni fa alla stazione di Bologna, ricordare la vita, le passioni e i sogni delle vittime della strage e farlo attraverso lo sguardo di giovani che quella ferita la portano anche senza esserne stati testimoni diretti. E’ con questi obiettivi che la scuola bolognese di scrittura per il cinema e la televisione Bottega Finzioni ha lanciato il Premio 10:26 con cui verranno assegnati una borsa di studio del valore di 3mila euro 10 premi in buoni da 250 euro.

L’iniziativa, realizzata con il patrocinio dell’Associazione dei familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980, si rivolge a studentesse e studenti europei ed extraeuropei fino ai 26 anni d’età e ogni anno premierà progetti che interessano diversi ambiti disciplinari (culturale, scientifico, artistico). Per questa prima edizione Bottega Finzioni e l’Associazione dei familiari delle vittime hanno scelto quello della storia dell’arte e delle produzioni nel campo delle arti visive, individuando una commissione costituita da membri esperti della materia.
Ne fanno parte Davide Domenici (Antropologo e Archeologo), Elena Pirazzoli (Storica) e Francesca Tancini (Storica dell’Arte). A loro il compito di selezionare il progetto ritenuto più originale e significativo tra tutti quelli inviati.
La premiazione avverrà il prossimo anno, lunedì 2 agosto 2021 alle ore 18.00, presso la Sala d’aspetto di seconda classe della Stazione di Bologna, vicino alla lapide con i nomi delle vittime. All’iniziativa parteciperanno autorità politiche, militari e illustri personaggi del mondo della letteratura, della cultura e dello spettacolo.

Per partecipare occorre inviare il progetto entro e non oltre il 12 dicembre 2020. Maggiori informazioni sono sul sito di Bottega Finzioni.