2 giugno 1946. Uomini e donne della Costituente

31 Maggio 2020

Dei 556 costituenti eletti nelle prime elezioni libere a suffragio universale che si svolsero il 2 giugno 1946, 48 uomini e 4 donne furono espressi dai collegi dell’Emilia-Romagna. Alcuni di loro sono assai noti, e tanto è stato scritto su di loro e anche da loro stessi. La rete degli Istituti Storici dell’Emilia-Romagna, con il progetto di ricerca Costituenti emiliano-romagnoli, ha raccolto in un unico portale le storie personali e politiche di tutti coloro che, più o meno conosciuti, hanno preso parte, dalla nostra regione, a quella straordinaria stagione che ha portato alla costruzione della democrazia italiana.

Con questa iniziativa, nata per ricordare il 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione e sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna attraverso la legge per la promozione della Memoria del Novecento, è stata ricostruita per ogni costituente la vita politica precedente, contemporanea e successiva ai lavori dell’Assemblea Costituente, l’impegno tanto su scala nazionale quanto su scala locale, la formazione e la professione. Una linea del tempo, che abbraccia l’arco cronologico che collega la data di nascita del deputato più anziano (Alberto Bergamini, 1871) fino a quella della più giovane (Leonilde Iotti, 1920), ci permette di intrecciare le biografie con le vicende storiche del contesto nazionale ed europeo.

Le informazioni raccolte nelle schede biografiche, che in futuro verranno ulteriormente arricchite con documenti, immagini e riferimenti bibliografici, ci restituiscono una fotografia che evidenzia la complessità e la diversità dei percorsi personali e politici di quanti furono chiamati a costruire le basi della nostra democrazia. Ci sono i primi sindaci delle città libere di Modena e Bologna, Alfeo Corassori e Giuseppe Dozza, quelli degli esponenti della DC Giuseppe Dossetti e Angelo Salizzoni, ci sono Arrigo “Bulow” Boldrini e Nilde Iotti, Pietro Nenni e Luigi Preti, Francesco ZanardiMario Longhena.  E insieme a loro antifascisti, comunisti, democristiani, esponenti della destra liberale monarchica, impiegati, insegnanti, medici, artigiani, braccianti, docenti universitari.
Delle 21 donne totali che presero parte ai lavori della Costituente 4 furono elette in Emilia-Romagna: Angela Gotelli di Albareto (Parma), Nilde Iotti e Rita Montagnana Togliatti di Reggio Emilia e Teresa Noce di Torino. Dieci deputati provenivano da altre regioni e i loro partiti di appartenenza decisero di candidarli nei collegi dell’Emilia-Romagna. Altri, originari di questa regione, erano già da tempo altrove, ma ritrovarono qui collegi elettorali disposti a riconoscerli e a candidarli.

All’interno del portale si possono svolgere ulteriori ricerche per area provinciale, professione, circoscrizioni elettorali. Il progetto è disponibile online sul sito costituenti.900-er.it.