Il 25 aprile 2021 è "Ciò che resiste": la Resistenza e la Costituzione

19 Aprile 2021

Cosa resta, nella memoria collettiva, della lotta di Liberazione? Quale eredità abbiamo il dovere morale di trasmettere alle generazioni future? Sono le riflessioni che accompagnano il lavoro quotidiano delle Istituzioni e delle tante associazioni e realtà impegnate nella promozione della conoscenza della storia del Novecento e dei valori su cui si fonda il nostro sistema democratico. E sono gli interrogativi che connotano soprattutto ricorrenze fondanti come la Festa della Liberazione. La risposta offerta dal Comune e dall’ANPI di Bologna, in occasione del 76° anniversario della conquista della libertà dalla dittatura nazifascista, è raccolta in dodici ritratti di donne e uomini della Resistenza e nei primi dodici articoli della nostra Costituzione. 

E’ questo “Ciò che resiste”, come indica il titolo dell’installazione pittorica che, dal 21 aprile al 2 giugno, occuperà le dodici porte della città di Bologna. Su ognuna verrà esposta una grande tela con il ritratto di una staffetta o di un partigiano, realizzato da Antonella Cirelli, a cui verrà affiancato uno dei primi 12 articoli della Costituzione Italiana. E’ un grande abbraccio collettivo alla città, in un anno in cui, per via dell’emergenza sanitaria, non sarà possibile recarsi fisicamente “nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità”, come esortava Piero Calamandrei.

Dodici ritratti che ci raccontano molto di più dei volti dei protagonisti e delle protagoniste. Dodici ritratti dove leggere storie, ricordi, fatti, vittorie e sconfitte. “La comunicazione non verbale che si stabilirà con chi si fermerà a guardarli – ha dichiarato ANPI Bologna che ha curato il progetto – sarà un modo per chiamarci in causa. La forza espressiva dei ritratti con la fierezza e i cipigli, i sorrisi e le rughe, riesce a rispondere alla domanda su cosa li abbia spinti a resistere alla dittatura e a mettere in gioco la vita”. Per agevolare questo incontro, dal 25 aprile, sul canale YouTube del Comune di Bologna, sarà disponibile una visita virtuale all’installazione pittorica. Le immagini saranno accompagnate da lavoratrici e lavoratori che leggeranno i primi 12 articoli della Costituzione.

Il progetto rientra all’interno della ricca programmazione che il Comune di Bologna, insieme ad altre realtà e associazioni del territorio, ha costruito per celebrare la liberazione della città, il 21 aprile, e quella di tutta Italia, il 25 aprile.