Archivissima. In prima visione un video sulle donne del Campo di Fossoli

03 Giugno 2020

Il lungo lavoro di ricerca storica condotto dalla Fondazione Fossoli per ricostruire le biografie delle donne deportate nel campo di transito e concentramento nel corso della Seconda Guerra Mondiale, sarà protagonista dell’edizione 2020 di Archivissima, l’unico festival nazionale dedicato alla promozione e alla valorizzazione dei patrimoni archivistici. La rassegna, che quest’anno si svolgerà dal 5 all’8 giugno interamente attraverso i canali digitali, ha come tema principale #Women e svilupperà una riflessione sulle figure femminili, non solo per celebrarne i successi, ma per testimoniare l’importanza dei processi di trasformazione e cambiamento che proprio le donne hanno saputo attivare, nella politica, nella letteratura, sul lavoro, nella medicina e nello sport.

La Fondazione Fossoli ha scelto di partecipare all’iniziativa raccontando, attraverso un video che sarà trasmesso in prima visione il 5 giugno alle 22.05 all’interno del ricco palinsesto de La notte degli Archivi, le donne che hanno vissuto l’esperienza della deportazione, che hanno attraversato il cancello del campo di Fossoli, che hanno affrontato la brutalità della guerra e messo in atto forme di resistenza per sé, per i propri cari, per una giusta causa. Sono le storie di Frida Musil, sopravvissuta ad Auschwitz che scrisse uno dei primissimi memoriali di donne ebree deportate, di Laura Levi che perse tutti i suoi familiari e non si riprese mai da quanto aveva subito, di Liana Millu, di Giuliana Tedeshi, la cui vita dopo il campo di sterminio fu caratterizzata da un’intensa attività di memoria e testimonianza, e di tante altre prigioniere. I loro volti, i loro nomi e le loro esperienze personali erano stati già ricordati dalla Fondazione Fossoli nell’esposizione “Frida e le altre. Storie di donne, storia di guerra: Fossoli 1944”, prodotta nell’ambito di Festival Filosofia del 2019, e attraverso la collana di pubblicazioni “Come il profumo dei lillà. Profili di donne passate dal Campo di Fossoli”, che si può consultare sul sito del Centro Studi.

Il video che la Fondazione Fossoli ha realizzato per “Archivissima” raccoglie materiali, immagini, carte e documenti, per restituire corpo e voce a storie che ognuno di noi dovrebbe conoscere, per riflettere e non dimenticare. Il documento sarà visibile sulla pagina Facebook della Fondazione e su quella del Festival.