Arriva a Modena la storia della "corridora" emiliana Alfonsina Morini

09 Luglio 2020

I giornali la chiamavano “la corridora”, come ricorda Gianni Celati in un racconto a lei dedicato. Per la gente di Castelfranco Emilia, la sua città natale in provincia di Modena, era invece “il diavolo in gonnella”. Alfonsina Morini Strada, classe 1891, è stata una ciclista dell’età dei pionieri e non solo. Ha dovuto combattere pregiudizi, stereotipi e incomprensioni per tutta la vita, ma non ha mai rinunciato alla sua grande passione, la bicicletta, diventando la prima e l’unica donna che sia riuscita a correre il Giro d’Italia e a competere in gare ufficiali con i cosiddetti campioni del pedale, normalmente maschi. Negli anni di Girardengo, quando il ciclismo era lo sport più seguito in Italia, Alfonsina fu la prima ad ottenere la parità di genere nell’agonismo sportivo.

E’ una storia di riscatto e passione quella che Claudia Bulgarelli ha raccontato in Alfonsina, corridora, spettacolo di teatro e musica a cura di ERT inserito nel progetto Rivoluzioni, persone, luoghi ed eventi del ‘900 tra crisi e trasformazioni realizzato dall’Istituto Storico di Modena e dal Centro documentazione donna e sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna attraverso la legge per la promozione della Memoria del Novecento.

“Alfonsina, corridora” andrà in scena sabato 18 luglio alle 21 ai Giardini Ducali di Modena, nell’ambito della rassegna “Giardini d’Estate”. Claudia Bulgarelli sarà accompagnata dalle musiche e dalle canzoni originali dei Tupamaros Stefano Garuti (fisarmonica e tastiera) e Francesco Grillenzoni (voce e chitarra).

Per assistere allo spettacolo è obbligatorio prenotare via mail biglietteria@emiliaromagnateatro.com oppure contattando il Teatro Storchi allo 059 2136021 dal giovedì al sabato dalle 10 alle 14.