Due passi nella storia del 2 agosto 1980

24 Luglio 2020

Dopo lunghi mesi di pausa forzata per via dell’emergenza sanitaria, sono riprese ad inizio luglio le escursioni nella Memoria curate da Istituto Istituto per la Storia della Resistenza e della Società contemporanea in provincia di Reggio EmiliaViaggi della Memoria, Centro Studi Movimenti di Parma e associazione Are Ere Ire di Rimini. Attraverso camminate serali in città o lungo i sentieri dell’Appennino si percorre insieme la storia, la si conosce nei suoi luoghi, si ragiona insieme e si possono approfondire eventi, storie, pagine del recente passato profondamente radicate nel nostro immaginario. Da Marzabotto al sentiero di Carlo nell’Appennino reggiano e a quello di Rosetta a Borgo Val di Taro (Pr), dalle strade di Reggio Emilia in cui vennero assassinati Lauro Farioli, Ovidio Franchi, Emilio Reverberi, Marino Serri, Afro Tondelli il 7 luglio 1960 a quelle dove a Parma i popolani, insieme agli Arditi del popolo di Guido Picelli, eressero barricate e sbarramenti e per tre giorni resistettero in armi agli assalti fascisti finché, all’alba del 6 agosto, Italo Balbo dovette ordinarne la smobilitazione. Esplorando, guardando, camminando ci si immerge nella storia.

L’ultimo appuntamento della rassegna Due passi nella storia si svolgerà venerdì 7 agosto a Bologna dove, in occasione del quarantennale della strage alla stazione, i viaggiatori e le viaggiatrici di questo tour speciale saranno accompagnati attraverso i luoghi che ancora oggi raccontano il più grave atto terroristico avvenuto in Italia dalla fine della seconda guerra mondiale. Durante la passeggiata, che avrà una durata di due ore, la storica Cinzia Venturoli ricostruirà i fatti e il quadro politico dell’epoca, i volti e le storie, le dinamiche e le verità nascoste della strage che ha provocato 85 morti e 200 feriti.
Il percorso prenderà il via alle 18.15 proprio dalla Stazione, presso la targa commemorativa che ricorda i nomi delle vittime, quello squarcio nella parete che testimonia la devastazione causata dall’esplosione dell’ordigno e la ferita aperta che è ormai parte dell’identità di un’intera comunità.

Per partecipare al tour è obbligatoria l’iscrizione. Si può scrivere alla mail viaggimemoria@istoreco.re.it o telefonare al numero 328 2844028. Maggiori informazioni sono sul sito.

(Credits. Targa per le vittime. Ph. di August Brill)