Giorno della Memoria 2021. In un video il racconto della Parma ebraica

25 Gennaio 2021

Anche in questo difficile momento segnato dalla pandemia il Comune di Parma, la Provincia e la Comunità Ebraica hanno promosso un ricco calendario di appuntamenti on-line per il Giorno della Memoria: incontri, concerti, spettacoli di teatro, installazioni, attività con le scuole, visite virtuali, interviste e molto altro, per tenere viva la memoria sulla tragedia e ricordare le vittime dell’Olocausto nell’anniversario della data di liberazione dei pochi superstiti del campo di concentramento di Auschwitz, in Polonia, il 27 gennaio 1945.

Tra le numerose proposte anche la realizzazione di un video dedicato al racconto della Parma Ebraica: una narrazione contemporanea che prende avvio dall’insediamento ebraico nella città a partire dalla fine della prima metà del XVI secolo. Attraverso la voce narrante di Antonietta Centoducati e le musiche del maestro Riccardo Joshua Moretti, vengono raccontate la bellezza delle sinagoghe, i tesori raccolti nel Fondo De Rossi al Complesso Monumentale della Pilotta, i documenti e le tradizioni del popolo ebraico, fino alla ricostruzione delle conseguenze delle leggi razziali antisemite del 1938 che portarono al più tragico massacro di civili mai vissuto dall’umanità. Il video “Parma ebraica e il territorio”, che si può vedere online sul canale Youtube della Città di Parma, è stato realizzato con la collaborazione della Comunità Ebraica e di OperArt e con il supporto del Complesso Museale della Pilotta e del Museo Ebraico ‘Fausto Levi’ di Soragna.

L’Assessorato alla Cultura del Comune, in collaborazione con il Centro Studi per la stagione dei movimenti, ha inoltre organizzato una serie di webinar, rivolti alle scuole di ogni ordine e grado, con l’obiettivo di sensibilizzare le giovani generazioni tenendo viva in loro la conoscenza e la memoria della nostra storia, anche nelle sue pagine più tristi. Protagoniste degli incontri saranno l’autrice Gigliola Alvisi che, partendo dal suo libro “Una rivoluzione di carta” (ed. Piemme), parlerà della figura di Jella Lepman e della nascita della più grande biblioteca dedicata alla letteratura per l’infanzia al mondo; e Anna Sarfatti che, attraverso le vicissitudini di Samuele Finzi e della sua famiglia, racconterà ai bambini e alle bambine cosa accadde agli ebrei in Italia tra il 1938 e la fine della Seconda Guerra Mondiale a partire dal libro “L’albero della memoria. La Shoah raccontata ai bambini” (ed. Mondadori, 2019). I due incontri saranno riproposti a tutta la cittadinanza sui canali Youtube del Centro Studi e del Comune di Parma.

Per la giornata di mercoledì 27 gennaio sono molte le iniziative in programma, promosse da alcune delle principali realtà culturali cittadine.

Alle ore 18.30 la Fondazione Teatro Due ripropone, nell’ambito di “Teatro Due Classic”, la programmazione on-line di Himmelweg (La via del cielo), l’opera del madrileno Juan Mayorga con cui Gigi Dall’Aglio, nel 2014, tornava ad occuparsi, dopo “L’Istruttoria”, dell’Olocausto. Lo spettacolo sarà trasmesso in streaming sui canali social di Fondazione Teatro Due (Youtube e Facebook) e del Teatro Elfo Puccini di Milano, che tributa così un affettuoso ricordo a Gigi Dall’Aglio, recentemente scomparso. Alla trasmissione dello spettacolo seguirà, alle ore 20.30 circa, un incontro in diretta con la direttrice della Fondazione Teatro Due, Paola Donati, l’autore Juan Mayorga e gli attori. Lo spettacolo resterà disponibile fino alle ore 24 del 31 gennaio.

Dalle 10 alle 24 dello stesso giorno Lenz Fondazione presenta in streaming Rosa Winkel [Triangolo rosa]. La creazione di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto sulla deportazione e lo sterminio degli omosessuali nei campi di concentramento nazisti, parte del Progetto permanente sulla Resistenza e l’Olocausto di Lenz Fondazione, sarà fruibile integralmente e gratuitamente sul sito www.lenzfondazione.it.

Nel pomeriggio di mercoledì, alle 17, sarà trasmesso dall’Auditorium del Carmine, in streaming gratuito sul canale Youtube del Conservatorio di Musica Arrigo Boito, il Concerto per il Giorno della Memoria, dedicato a compositori, tra cui Stravinskij, Bernstein e Schönberg, che hanno saputo raccontare gli orrori della guerra, dell’esilio, ma anche la forza della preghiera, la speranza, il desiderio di pace. Il concerto apre l’ottava edizione de “I Concerti del Boito”, realizzati dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” in collaborazione con Comune di Parma – Casa della Musica, Università di Parma, Pastorale Universitaria di Parma.

Infine, Europa Teatri realizzerà, nei giorni 29, 30 e 31 gennaio, un’installazione performativa (fruibile dall’esterno) nel teatro di via Oradour 14, e pubblicherà sui propri canali social il il video “Per intrecciare ghirlande coi ricordi”: parole e immagini ispirate ad una poesia di autore ignoto, datata 1941, dal titolo “ Vedrai che è bello vivere”. La voce recitante è di Chiara Rubes. L’installazione è a cura di Ilaria Gerbella, Lucia Manghi e Chiara Rubes.

Prosegue inoltre per il quinto anno consecutivo il progetto delle Pietre d’Inciampo, per il quale l’assessorato alla Partecipazione e ai Diritti dei Cittadini, curerà, in collaborazione con l’Istituto Storico della Resistenza e dell’età contemporanea, la posa di sei nuove pietre. Il calendario delle deposizioni, con i relativi nominativi dedicati, così come il programma completo delle iniziative sono sul sito.