Ustica 41°. Aperta al pubblico l'installazione "Battaglia Aerea"

25 Giugno 2021

Fu una battaglia aerea o, meglio, un “atto di guerra in tempo di pace” a provocare la strage nei cieli di Ustica la notte del 27 giugno 1980, quando venne abbattuto l’aereo su cui viaggiavano 81 civili. Nessuna bomba, nessun missile, nessun attentato.

Ustica fu un gioco di potere, una giostra di menzogne che, una volta ferma, ha lasciato la tragica verità di un aereo spezzato e 81 vittime innocenti.

Ed è riflettendo proprio su queste verità emerse nel processo e sull’atto di violenza consumatosi immediatamente e negli anni successivi alla tragedia, attraverso bugie e silenzi di chi ne ha nascosto le cause e le responsabilità, che il collettivo artistico PetriPaselli ha realizzato, nella cornice della rassegna Attorno al museo e con la collaborazione dell’Associazione dei Parenti delle Vittime della Strage di Ustica e del MAMbo – Museo d’arte Moderna di Bologna, l’installazione artistica e performativa Battaglia Aerea. 

Da venerdì 25 a domenica 27 giugno, in occasione del 41° anniversario della strage, chi visiterà il Museo per la Memoria di Ustica riceverà un gettone di plastica all’uscita, con il quale potrà salire su una giostra Telecombat da cui, prendendo posto sugli aerei/navicelle, si è invitati a colpire tutti gli altri, fino a rimanere gli ultimi, i vincitori.

Un’opera performativa che unisce il ricordo gioioso e spensierato dell’infanzia e il potere distruttivo della guerra. Che fa riflettere, sulla consapevolezza che ciascuno di noi ha della violenza che pervade la nostra quotidianità, in forme diverse e anche non immediatamente identificabili.

L’installazione è fruibile gratuitamente, al termine della visita al museo anch’essa gratuita, venerdì 25 e sabato 26 giugno dalle 18 alle 22, domenica 27 giugno dalle 18.00 alle 23.

All’iniziativa sono collegati due momenti di incontro. Sabato 26 giugno alle 19 gli artisti Matteo Petri e Luciano Paselli racconteranno, nel Parco della Zucca, come è nata e si è sviluppata l’idea per il loro lavoro. Domenica 27 giugno sarà invece l’Associazione dei Parenti delle Vittime della Strage di Ustica a dialogare con le persone presenti nel Parco, sempre alle 19.

È possibile prenotare l’ingresso al museo. Maggiori informazioni sono sul sito di Attorno al Museo.